Ulteriori esclusioni dal sistema Sistri

Ulteriori esclusioni dal sistema Sistri

 

Il Ministro dell’Amrifiutibiente, Gian Luca Galletti, ha firmato il 24 aprile 2014 il decreto ministeriale che esclude l’obbligo di aderire al Sistri, il Sistema di tracciabilità dei rifiuti, per le imprese al di sotto dei 10 dipendenti. L’obbligo di adesione al Sistri – spiega il Ministro – rimane ”solo per le imprese e gli enti produttori iniziali di rifiuti speciali pericolosi che abbiano più di 10 dipendenti”. Nel decreto, che esclude dal Sistema di tracciabilità dei rifiuti tutte le imprese agricole che conferiscono i rifiuti prodotti nei circuiti organizzati di raccolta, sono previste anche altre disposizioni di semplificazione amministrativa, chiarite le modalità di gestione dei trasporti intermodali e prorogato al 30 giugno 2014 il versamento del contributo annuale.

ESENZIONE SISTRI

L’esenzione riguarda i soli “puri” produttori iniziali di rifiuti, ossia quelli che non effettuano anche operazioni di deposito preliminare e messa in riserva dei propri residui. Nell’ambito di tale novero il nuovo dm Minambiente rende facoltativo il Sistri per la quasi totalità di Enti e imprese produttrici iniziali di rifiuti speciali pericolosi che non superano i dieci dipendenti e per le imprese agricole che, pur superando tale soglia, provvedono a gestire i propri rifiuti in un circuito organizzato di raccolta.